Ronco sopra Ascona

RONCO SOPRA ASCONA:

Luogo situato nella parte nord-occidentale del lago Maggiore nel Canton Ticino in Svizzera, raggiungibile dalla 13 che costeggia il lago.

Storicamente i primi insediamenti risalgono all’epoca dei terrazzamenti eseguiti, ma la prima citazione storica è del Medioevo come parte del comune di Ascona, anche se dotato di una propria autonomia. L’industrializzazione del XX secolo ha introdotto la conversione da realtà preminentemente agricola e centro turistico.

E’ suddivisa nelle frazioni di: Fontana-Martina, Gruppaldo, Porto Ronco, Corafora, Pian Carignago, Monti di Ronco, La purera.

Da vedere sono: la chiesa barocca di San Martino del XV secolo, ma con facciata neoclassica, impreziosita da numerosi affreschi e ricavata dal un piccolo convento degli Umiliati; il relativo e omonimo monastero trasformato oggi a oratorio; l’oratorio barocco della madonna delle grazie del XVIII secolo, edificato su di una preesistente cappella; la cappella cinquecentesca di santa Maria Assunta a Porto Ronco; l’oratorio della Madonna dei Pozzuolo del XIX secolo su impianto cinquecentesco a Monte di Ronco, punto di arrivo della processione votiva di Santa  Croce; l’oratorio della Beata vergine del porto a Porto Ronco del XVII secolo, ma il cui restauro ha recuperato solo la facciata; l’ottocentesca casa del pittore Ciseri, parzialmente visitabile, è una casa ad angolo munita di torre, con due stanze neoclassiche decorate e affrescate al pianterreno e  un piano superiore con rivestimenti interni di pregio; Cà del Pitur, una casa di origine medievale poi appartenuta al Ciseri con facciata neoclassica ricca negli interni e nel cortile di molte decorazioni anche pittoriche; anche il borgo antico medievale che si staglia su di un promontorio sul lago, fatto di piccole viuzze, gradinate, case ammassate e torri e da cui si può godere di un’ampia panoramica del lago; l’isola di Sant’Apollinaire con i resti di una chiesa del duecento recentemente restaurata e munita di ostello per i giovani.

Da citare sono inoltre: Diener house, Villa Hahn e  casa Tutsch tra le più celebri abitazioni create dall’architetto Weidemeyer.

Da non dimenticare le numerose cappelle votive sparse lungo il territorio e le tombe di alcuni personaggi illustri fra cui l’attrice americana Goddard, divenuti nel tempo curiosa meta turistica.

Contenuti indicativi e salvo errori tipografici, non possono in nessun caso essere considerati quali consigli o indicazioni certe. Pertanto, il titolare di italia1000laghi.eu declina ogni responsabilità diretta o indiretta.